IL GIUOCO AL TEMPO DI CARAVAGGIO a Montale dal 07/12 al 06/01

Questa mostra nasce dalla consapevolezza di come il GIUOCO abbia influito sul comportamento umano nell’età moderna, prendendo spunto dall’iconografia del Baro di Caravaggio, del quale è esposta una versione realizzata dal grande maestro lombardo.

Dal 24-04 al 31-03 I MACCHIAIOLI A MONTEPULCIANO

macchiaioliMuseo Civico-Pinacoteca Crociani e Logge della Mercanzia

Visto il grande successo la mostra è stata prorogata fino alla fine di marzo 2011.

La raccolta, in gran parte inedita, annovera capolavori dei protagonisti indiscussi del movimento come Fattori, Signorini, Lega, Gelati, Abbati ed altri.

Info: 0578/717300

Dal 23-05 al 25-07 ARTE DEL XX SECOLO NELLE COLLEZIONI DELLE FONDAZIONI BANCARIE DI VENEZIA E PISTOIA a Pistoia

Palazzo Fabroni

Questa doppia mostra è l’occasione per confermare il ruolo fondamentale delle fondazioni bancarie nella conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico italiano.

1910-2010: UN SECOLO D’ARTE A PISTOIA. Opere dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, a cura di Lara-Vinca Masini, presenta una selezione di circa novanta opere, esposte per la prima volta in pubblico, che raccontano la storia dell’arte del Novecento a Pistoia. Opere dalla collezione della Fondazione, iniziata dalla Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia quando ancora non esisteva la suddivisione tra i due enti. Artisti, molti dei quali, entrati a far parte della storia dell’arte italiana del Novecento come Marino Marini, Andrea Lippi, Mario Nannini, Agenore Fabbri, Gualtieri Nativi, Mario Nigro, Fernando Melani, Roberto Barni, Umberto Buscioni, Gianni Ruffi. Una mostra che è dunque l’occasione per riscoprire un periodo e una parte della cultura artistica del Novecento. Un affresco appassionante e avvincente con capolavori, per citarne alcuni, come i ritratti dei giovani Marino Marini (1926) e Dino Campana (1909?) di Giovanni Costetti: “Riuscito a fare di questo ‘povero disgraziato’ un eroe vagabondo e audace”, come scrive Lara-Vinca Masini, identificando in questa opera il grande poeta; la Scomposizione di figura (1916-17) cubofuturista di Mario Nannini; la Madonna col Manto rosso (1931) di Pietro Bugiani, sintesi della lezione di Giotto, Piero della Francesca, Matisse e dei Nabis; il commovente Nudo di fanciullo di Marino Marini. Un affresco appassionante e avvincente con capolavori, per citarne alcuni, come i ritratti dei giovani Marino Marini (1926) e Dino Campana (1909?) di Giovanni Costetti: “Riuscito a fare di questo ‘povero disgraziato’ un eroe vagabondo e audace”, come scrive Lara-Vinca Masini, identificando in questa opera il grande poeta; la Scomposizione di figura (1916-17) cubofuturista di Mario Nannini; la Madonna col Manto rosso (1931) di Pietro Bugiani, sintesi della lezione di Giotto, Piero della Francesca, Matisse e dei Nabis; il commovente Nudo di fanciullo di Marino Marini.
Completa l’esposizione un itinerario in città e provincia che comprende opere commissionate, donate o realizzate dalla Fondazione: il Cavaliere di Marino Marini nel Palazzo del Tau (scultura in bronzo) e le vetrate di Sigfrido Bartolini e Umberto Buscioni nelle chiese di San Paolo e dell’Immacolata Concezione a Pistoia; diciassette installazioni permanenti site-specific per spazi pubblici di Anselm Kiefer, Daniel Buren, Marco Bagnoli, Pol Bury, Fabrizio Corneli, Vittorio Corsini, Dani Karavan, Sol Lewitt, Robert Morris, Maurizio Nannucci, Hidetoshi Nagasawa, Claudio Parmiggiani, Anne a Patric Poirier, Susuma Shingu e Gianni Ruffi.

 

VENEZIA E IL SECOLO DELLA BIENNALE. Dipinti, vetri e fotografie dalla Collezione della Fondazione di Venezia, a cura di Enzo Di Martino, che segue le mostre precedenti di Palermo, Verona e Roma, rappresenta un’occasione unica per ammirare un’importante collezione, quella della Fondazione di Venezia, raramente accessibile al pubblico ed approfondire le vicende artistiche legate alla Biennale di Venezia che hanno segnato il secolo scorso. Una storia ricca di avvenimenti artistici, polemiche culturali, mutamenti politici e perfino scandali clamorosi. A partire dalla fondazione, avvenuta nel 1895, la grande istituzione veneziana che fu in grado di coinvolgere ad ogni edizione oltre 70 Paesi stranieri, passando per il “rumoroso” arrivo nel 1910 dei Futuristi a Venezia, l’opaco periodo tra le due guerre, la clamorosa riapertura nel 1948, l’esplosione della Pop Art americana nel 1964, la contestazione del 1968, il rinnovo statutario del 1973, fino agli eventi dei giorni nostri. Una storia documentata da quaranta dipinti, selezionati da un corpus di circa 300 opere, tra i quali spiccano opere di Boccioni e i Ciardi, De Pisis e Carena, Casorati e Depero, Cagnaccio di San Pietro e Marussig, Vedova e Santomaso, Pizzinato, Tancredi, Plessi, Virgilio Guidi e Gino Rossi. Il percorso espositivo comprende anche trentasei vetri di Murano, parte di una collezione di 128, acquisiti nello storico padiglione Venezia, tra i quali troviamo, oltre quelli di maestri vetrai leggendari, i nomi di prestigiosi artisti e designers quali Tapio Wirkkala, Carlo Scarpa e Paolo Venini. Ad aprire la mostra una selezione di fotografie dei maggiori protagonisti dell’arte del XX secolo, spesso ritratti al lavoro durante l’allestimento del loro spazio alla Biennale, che provengono dall’archivio del fotografo Graziano Arici e dall’archivio De Maria della Fondazione di Venezia.
In ogni edizione della Biennale sono stati presenti numerosi artisti veneziani e veneti, che hanno partecipato con opere assolutamente puntuali e rispondenti allo spirito del proprio tempo. In tal senso ci troviamo di fronte ad un vero e proprio patrimonio culturale, che vuole celebrare nello stesso tempo il valore culturale degli artisti e la cornice entro cui essi furono presentati. È importante notare le diverse ricerche linguistiche, l’evoluzione sperimentale di forme che man mano assumono le cadenze stilistiche di un’epoca culturale. Se la Biennale di Venezia ha infatti presentato nel corso della propria storia la ricerca in atto a livello internazionale, ecco ben documentato come la presenza degli artisti veneziani sia assolutamente pertinente e capace di sostenere un dialogo con artisti di paesi diversi.
La Fondazione di Venezia raccoglie l’eredità collezionistica della Cassa di Risparmio di Venezia che a cavallo tra Ottocento e Novecento fu uno dei soggetti promotori della manifestazione veneziana, rivelando spirito di rinnovamento e riuscendo a tessere contatti con gli artisti più significativi nell’ambiente italiano. 

La mostra 1910-2010: UN SECOLO D’ARTE A PISTOIA prende le mosse dalle PRIME AVANGUARDIE a Pistoia con Andrea Lippi e Mario Nannini le cui opere rappresentano un’uscita dalle regole di un mondo, che pur essendo al corrente di quanto avveniva in Italia e all’estero, resta legato alla natura e alla figurazione colta. Se Lippi esporrà, prima di morire giovanissimo, alle Biennali di Venezia del 1912 e del 1914, Nannini si misurerà con le avanguardie e con l’esperienza futurista e in pochi anni raggiungerà una tale maturità da trovare confronti solo con i modelli nazionali di Balla e Boccioni e un certo cubofuturismo internazionale. Anche a Pistoia, come a Firenze, sono gli anni delle riviste che contribuiscono a creare un’animata vita culturale, avvicinando alla città personaggi decisivi nel creare un’unione tra gli artisti in nome di programmi e ideologie, come Giovanni Costetti, Galileo Chini e Giovanni Michelucci che avrà un ruolo fondamentale per i giovani artisti suoi contemporanei. IL PRIMO NOVECENTO NELL’ARTE A PISTOIA è rappresentato da artisti come Francesco Chiappelli, dal cui lavoro si rafforza in Toscana il grande interesse per la grafica, Renzo Agostini con i suoi lavori di un “primitivismo quasi infantile, ma di una straordinaria freschezza”, Pietro Bugiani, che più incarna il carattere della pittura a Pistoia tra la metà degli anni Venti e Quaranta, portandola ai massimi livelli. Infine Marino Marini, Agenore Fabbri, Mario Nigro e Gualtiero Nativi che pur essendo nati a Pistoia e rimanendovi fortemente legati, svolsero la maggior parte della loro vita artistica fuori dalla città. Seguono le opere di quella che è stata definita “la generazione di mezzo”, dove i contrasti si fanno evidenti tra chi rimane fedele al figurativo e chi si apre verso le nuove avanguardie. Da un lato dunque personalità come Sigfrido Bartolini, colto e agguerrito critico oltre che pittore e incisore, che non indugia su nessun senso di nostalgia ma punta su una visione chiara e intensa del reale, dall’altra parte artisti come Fernando Melani – un “unicum” straordinario nel panorama artistico contemporaneo – che anticipa nel suo continuo riferimento alla forza e all’energia insita nella materia, uno dei più forti contenuti dall’Arte povera e per certi aspetti il “progetto” di Beuys e del concettualismo. A metà degli anni Sessanta, Remo Gordigiani, costretto ad abbandonare la pittura a causa di una grave malattia, si inventa un nuovo modo di “fare pittura”, con uno straordinario e personale uso del collage. Col gruppo Barni, Buscioni e Ruffi, inizialmente comprendente anche Natalini, la cosiddetta “Scuola di Pistoia”, siamo in pieno rapporto con la cultura internazionale contemporanea, dalla metà degli anni Cinquanta incentrata sulla Pop Art americana, seguono Massimo Biagi ed Andrea Dami. Infine due giovani artisti, Federico Gori e Zoè Gruni, esempi del “fare arte” contemporaneo, in linea con le manifestazioni artistiche internazionali ma con un proprio e profondo linguaggio personale.

ORARI: dal martedì alla domenica, ore 10/18 (chiuso il lunedì)
possibilità biglietto cumulativo con i musei del sistema museale pistoiese

Dal 22-05 al 23-05 e dal 29-05 al 30-05 LA NATURA E L’ARTE ALL’ARGENTARIO a Porto Santo Stefano di Monte Argentario

Fortezza spagnola di Porto Santo Stefano

Primo Raduno di Artisti Naturalisti in Italia

La Natura e l’Arte si incontrano alla fine di maggio nell’Oasi Wwf di Orbetello (Gr) per il primo raduno degli artisti naturalisti in Italia. Pittori, fotografi, illustratori e documentaristi non esporranno solamente le loro opere al Museo dei maestri d’ascia (Fortezza spagnola) di Porto Santo Stefano, ma passeranno alcuni giorni insieme per lavorare fianco a fianco. E sarà un’esperienza condivisa interamente con il pubblico di appassionati e curiosi, che potranno così scoprire i segreti di tanti anni di esperienza passati a cercare il modo migliore per rappresentare la bellezza e la poesia dei luoghi incontaminati e della flora e della fauna che li popolano, osservati liberi nel loro habitat in ogni parte del mondo.

Non si tratta solamente di una mostra, ma di un evento molto più ampio che coinvolgerà un intero e suggestivo angolo di Toscana. Sono state previste infatti tutta una serie di iniziative che permetteranno di scoprire il fascino naturalistico di una zona che offre straordinarie possibilità di praticare vari tipi di escursioni e sport all’aperto, oltre che perfetta per misurarsi con le doti artistiche e naturalistiche di ciascuno, attraverso corsi di birdwatching, acquerello e fotografia e tanti altri ancora.

Il programma del raduno è denso di appuntamenti. Si comincia sabato 22 (ore 18) con l’inaugurazione della mostra nella Fortezza spagnola di Porto Santo Stefano, cui parteciperà anche Fulco Pratesi (Wwf). L’esposizione sarà visitabile per il pubblico a partire da domenica 23. Il venerdì seguente (28 maggio) inizia il raduno vero e proprio, con una proiezione aperta al pubblico commentata da Carlo Castellani (Aipan) dal titolo “Storie di artisti naturalisti” (ore 21, Sala Conferenze del Comune di Porto Santo Stefano). La sera di sabato 29 alle 18,30  i partecipanti alla mostra presenteranno le proprie opere al Casale Wwf della Giannella (Gr); è prevista la presenza di due ospiti internazionali d’eccezione, gli artisti naturalisti Bruce Pearson e Anne Shingleton, e la possibilità di fermarsi a cena con gli artisti (previa prenotazione). Durante i giorni del raduno, presso la sede del Wwf Oasi al Casale della Giannella verrà realizzata un’opera collettiva di grande formato, sul tema della biodiversità, che sarà donata domenica 30 maggio al Wwf per i suoi progetti di conservazione; la sua esecuzione sarà filmata da Fabrizio Carbone e Renato Cerisola. La mostra alla Fortezza spagnola di Porto Santo Stefano si concluderà domenica 30 maggio alle ore 17.

L’evento in breve

“La Natura e l’Arte all’Argentario. Primo raduno di artisti naturalisti in Italia”

Orari: 10.30-12.30 e 15.00-19.00

Ingresso: 2 euro (1 euro ridotti)

Raduno artisti naturalisti: Casale Wwf della Giannella (Gr) dal 28 al 30 maggio

Orari: 9,00-20,00

Artisti: Andrea Ambrogio, Fabio Ascenzi, Roberto Bertoli, Maurizio Boscheri, Alessandro Bruno, Fabrizio Carbone, Carlo Castellani, Lorenzo Cogo, Niccolò Falchi, Maria Elena Ferrari, Concetta Flore, Giulia Fontana, Federico Gemma, Koen Ivens, Massimiliano Lipperi, Stefano Maugeri, Elisabetta Mitrovic, Cristina Nencini, Graziano Ottaviani, Nino Patti, Bruce Pearson, Fulco Pratesi, Marco Preziosi, Iole Eulalia Rosa, Sandro Sacchetti, Anne Shingleton, Stefano Torriani,Alessandro Troisi, Michele Vitaloni, Laura Vivona. Esporranno anche i fotografi Renato Cerisola e Fabio Cianchi e alcuni artisti locali.

Info: 346 0062366

ADVERTISEMENT

La bottega di Toscanainfesta.it
Accedi - BlogNews Theme by Gabfire themes