Dal 02-06 al 05-06 e dal 10-06 al 12-06 GIOSTRA DELL’ ARCHIDADO a Cortona

archidadoSi tratta della rievocazione storica del matrimonio fra Antonia Salimbeni e Francesco Casali. Per l’occasione i Quintieri del paese si sfidano in una gara di tiro con la balestra.

Programma dal 02 al 05 Mercato medievale, il 10 sbandieratori, il 11 rievocazione del matrimonio e il 12 palio.

Info: 0575-637238 / 637223  www.cortonagiovani.it

Il 02-06 TIRO DEL CERO a Volterra

Torneo di tiro del Cero tra le otto contrade della città di Volterra. Le squadre si affrontano secondo un percorso ad eliminazione diretta, in combattimenti in cui ognuna delle squadre cerca di portare dalla propria parte una slitta appesantita da sacchi di sale volterrano e con un cero al suo centro. E proprio il cero simboleggia la vittoria, perché la contrada vincitrice lo conserverà fino al torneo dell’anno successivo. Intorno alla sfida una serie di rappresentazioni, tra cui la sfilata in costume e l’esibizione degli sbandieratori. Info: 0588-86099

Dal 01-06 al 05-06 FESTA MEDIEVALE BIANCOAZZURRA a Castiglion Fiorentino

La festa si svolge nella magnifica cornice della rocca del Cassero dove svetta imponente il simbolo del nostro gruppo e rione la Torre del Cassero. Durante le serate della festa, oltre ad assistere a magnifici giochi medievali, è possibile gustare cibi tipici della zona di Castiglion Fiorentino preparati dalle abili mani delle nostre cuoche e cuochi casserini ed ovviamente dissetarsi con dell’ottimo vino disponibile allo Pozzo di Vino. Giullari e saltimbanchi che hanno allietato le serate dei numerosissimi visitatori della festa.

www.gruppocassero.it

Il 22-05 BALESTRO DEL GIRIFALCO a Massa Marittima

Fortezza_Girifalco_2Gara tra balestrieri dei rioni cittadini che scagliano le freccie contro il girifalco, la sagoma di un rapace che simboleggia il nemico. La gara è preceduta dal corteo degli sbandieratori. La festa risale al medioevo.  Info 0566/913711 www.massamarittima.info

Il 22-05 PALIO DELLE CONTRADE a Fucecchio

Il corteo storico, che ha luogo la mattina e percorre, con circa 1200 figuranti in costume, le principali strade del paese. Ogni Contrada propone la rievocazione di un momento della storia di Fucecchio con sfoggio di magnifici costumi all’insegna di un ricostruzione il più fedele possibile del passato. La corsa dei cavalli, che si svolge nel pomeriggio. La gara si articola in tre corse: 2 batterie di 6 cavalli e la finale, anch’essa di 6 cavalli, con i primi tre classificati delle precedenti batterie. I fantini montano i cavalli a pelo e la partenza è decisa dal mossiere che, una volta chiamati i cavalli all’interno di due canapi, sgancia il primo consentendo ai fantini di iniziare la corsa. Info 0571/2681

Il 22-05 MEDIOEVO IN CASTELLO a Buti

Rievocazione storica di vita medievale. Mestieranti, giocolieri e altro per ricostruire la vita del passato. Sono aperte taverne, locande e anche le scuderie della Villa Medice a per poter gustare i piatti delll’epoca.  Info: 347.7778543

 

Dal 14-05 al 15-05 FESTA DELLA CIAMBRAGINA a Rapolano Terme

corteostoricomontepulcianoIn località Serre di Rapolano. Ciambragina: il nome è strano, di sapore forestiero ma affascina per la sua musicalità. Chi è costei? La bellissima fanciulla che Giovanni de’ Rossi, ricco mercante senese della seconda metà del 200, sposò e portò alle Serre dalla lontana Cambrai, ricca città della Francia, sede di fiorenti mercati di stoffe, pellicce, cuoiame. Dai Cacciaconti, i potenti locali feudatari ormai in inevitabile declino, il facoltoso commerciante acquistò il Cassero delle Serre: ricco com’era di cantine, magazzini, stalle, cucine, munitissime sale d’armi, ampie stanze da pranzo, e camere dipinte, gli sembrò il luogo ideale per farne la reggia della sua Ciambragina oltre che il laboratorio della sua arte. Dentro le stanze splendidamente arredate vi era un numero strabiliante di cassepanche e cofani ripieni di biancheria ma soprattutto di capi di vestiario maschile e femminile, ornati di perle e di pietre preziose, foderati di calde pellicce e drappi dorati. Ciambragina e Giovanni de’ Rossi, la seconda domenica, il terzo sabato e la terza domenica di maggio, torneranno come un tempo a sfilare per le vie e i vicoli del centro con indosso sfarzosi abiti ricreati per l’occasione dalle abili mani delle sarte serrigiane. Accompagnati da suonatori di liuto e di viella, divertiti da mangiatori di fuoco e giocolieri, si esibiranno in danze e carole insieme a giovani meravigliosamente vestiti, attorniati da un festoso pubblico di simpatici popolani. Nei mercatini, nelle osterie, nelle botteghe, inservienti, in costume offriranno al visitatore cibi e bevande di un tempo che fu; frati e prelati, cavalieri e madonne, rappresenteranno più volte nell’arco della giornata gustose scenette di vita medievale. Il cuore del visitatore sarà indubbiamente investito da una ventata di freschezza, di allegria, di novità. Per le strade strette e contorte dell’antico borgo delle Serre, rivivrà il mercato medievale. Lungo le vie e nelle piccole botteghe che si affacciano ai margini delle piazze si potranno osservare tanti artigiani. Il rumore proveniente dalle loro botteghe si confonderà col suono dei musici che, accompagnandosi con il liuto, la viella e la ghironda, racconteranno storie del tempo andato, quando la nobiltà e il coraggio contavano più delle monete d’oro. Un angolo del paese sarà riservato ai falconieri. Mentre veri maghi leggeranno il vostro cielo, imbroglioni e ciarlatani faranno pubblicità agli elisir di lunga vita a filtri che curano ogni male compresa la vecchiaia e la tristezza. Da una parte mendicanti veri e fasulli, vagabondi che coi loro stracci chiederanno l’elemosina sui gradini delle case e delle chiese dall’altra gentili dame e prodi cavalieri che ostenteranno vestiti sgargianti e preziosi gioielli. Non potrà mancare la bottega dello speziale con il suo delicato e intenso profumo di erbe aromatiche. Muli, cavalli buoi, porci ed anche polli, piccioni, oci distribuiti in piccoli recinti, renderanno più vero il ritorno al passato, il tutto per un gioco che vuole riportare il passato nel presente non solo per divertimento ma anche per gusto di maggiore e più approfondita conoscenza. Anche nel Medioevo esisteva l’arte del ben mangiare e, se vorrete, nell’ampio e suggestivo Granaione ne potrete fare diretta esperienza. Al suono di trombe, pifferi e tamburi sarà data ad ogni commensale l’acqua di rose e di lavanda, dopodiché lo scalco darà inizio al fastoso banchetto. La musica sarà il condimento necessario al convivio, che sarà allietato anche da giullari, menestrelli, prestigiatori e saltimbanchi. Pepe, sale, cannella, noce moscata, zafferano e rosmarino arricchiranno di sapore i cibi, preparati secondo antiche ricette ma scelti anche tenendo ben presenti i gusti della gente moderna. Il corteo storico, è in programma l’8 maggio alle 16 e alle 23 con repliche il 14 e il 15 maggio. Da non perdere la Cena dei Cavalieri, il 7 alle 20.30 all’antico Granaio della Grancia, e le Cene povere medievali l’8 maggio al Tinaio, il 14 e 15, ancora all’antico Granaio della Grancia.

Info 0577/705021 www.serremaggio.it

Dal 15-04 al 24-04 FESTA DELLE ROCCHE a Guazzino di Sinalunga

Festa-delle-Rocche-1In località Guazzino.

Durante i giorni della festa ci sono stand gastronomici e musica dal vivo.

Domenica 24 lungo le vie si svolge la suggestiva Processione durante la quale vengono recate le splendide rocche realizzate dalle singole contrade in onore della Madonna. Il Palio consiste in una gara a piedi con carretti, a forma di antiche bighe romane, tra le contrade che si contendono un dipinto eseguito da artisti locali, in cui è raffigurata la Madonna delle Grazie.

Info: 0577-63511

www.festadellerocche.com

Dal 14-03 al 15-03 FESTA DEI MAGNANI a Badia a Ruoti di Bucine

badia_a_ruoti3In località Badia a Ruoti.

Il piccolo borgo rivive una antica festa con la quale le varie popolazioni si ritrovavano per consumare assieme un pasto. Viene preparata una polenta cotta su dei paioli dai ‘magnani’ ovvero gli artigiani fabbri dell’epoca.  Tutto quello che viene cotto viene distribuito ai presenti assieme ad un classico bicchiere di buon vino.

Viene allestita anche una piccola fiera dove si possono trovare oggetti veramente unici.

Info: 055/9912727

Il 15-06 PALIO DELLA RIVALSA a Sinalunga

palio-della-rivalsa-bettolle1In località Bettolle. Il Palio si ispira ad un fatto realmente accaduto nel 1553 quando Ascanio della Cornia, signore di Cstiglion del Lago, si rese protagonista di un’azione bellica contro il fortilizio senese di Bettolle Il palio ha quindi come tema quello di rievocare l’episodio per mezzo di un corteo storico con costumi del 1500 ed una successiva gara che viene vinta da quella contrada che per prima riesce a spegnere il fuoco posto in cima alla sagoma di un castello e che simboleggia l’incendio di Bettolle. Info: 0577-636045  –  333/8166793 www.bettolle.it

ADVERTISEMENT

La bottega di Toscanainfesta.it
Accedi - BlogNews Theme by Gabfire themes